BetaAlanina

Catalogo

Informazioni

Nuovi prodotti

Speciali

BetaAlanina Ci sono 3 prodotti.

Mostrando 1 - 3 di 3 articoli
Mostrando 1 - 3 di 3 articoli

Beta-Alanina

La B-Alanina è un aminoacido naturalmente presente come componente di diverse proteine nel muscolo scheletrico di alcuni animali,sia marini che terrestri (uomo incluso),che si differenzia dall'alanina per la posizione del gruppo amminico. Generalmente mediante l'alimentazione non risulta facile assumere livelli consistenti di B-Alanina,il cui approvvigionamento avviene principalmente o mediante la sintesi endogena a partire dai nucleotidi o mediante l'integrazione alimentare.

Nell'organismo umano ricopre un ruolo di rilievo (insieme all'istidina) come componente essenziale della carnosina,una proteina che esercita un importante ruolo tampone prevalentemente a livello del muscolo scheletrico. A livello muscolare la carnosina può essere implementata andando a colmare un vero e proprio pool. L'importanza dell B-Alanina si manifesta in quanto costituisce l'aminoacido limitante per la sintesi di carnosina,quindi la sua assunzione può contribuire a mantenere elevati livelli muscolari.

In queste condizioni,la produzione di acido lattico che si dissocia a lattato e H+ è in grado di alterare ( per l'azione degli enzimi H+) il p H tissutale,compromettendo l'efficienza di numerose reazioni biochimiche (enzimatiche e non),come quelle alla base del processo di contrazione muscolare,con il risultato di compromettere notevolmente le capacità funzionali del soggetto. La supplementazione di B-Alanina viene quindi effettuata con la finalità di implementare il pool di carnosina ritardando l'insorgenza dell'acidosi lattica e prolungando,quindi,la funzionalità muscolare,effetto che si traduce nella possibilità di eseguire un numero maggiore di serie e/o ripetizioni o comunque di mantenere una tempistica di lavoro maggiore. Dal punto di vista fisiologico questo meccanismo è presente sia a livello delle fibre glicolitiche che a livello di quelle ossidative,anche se dal punto di vista quantitativo il ruolo più importante viene esercitato a livello delle fibre glicolitiche. Evidenze presenti il letteratura dimostrano come l'integrazione di B-Alanina per 4 settimane possa aumentare la concentrazione muscolare di carnosina di una quota compresa tra il 40 e il 60%,mentre protraendo l'integrazione per 10-12 settimane l'aumento della concentrazione può raggiungere l'80% circa. La cosa notevole è che i suddetti effetti sono stati riscontrati sia a livello di fibre glicolitiche che ossidative. Il prolungamento della capacità di lavoro muscolare non si rivela utile esclusivamente dal punto di vista funzionale,ma anche nel favorire i fenomeni anabolici,in quanto rende possibile fornire uno stimolo allenante di entità superiore in grado di evocare fenomeni di recupero e supercompensazione  più elevati. Gli effetti protettivi che la supplementazione di B-Alanina,aumentando i livelli di carnosina,è in grado di esercitare si manifestano anche a livello di tessuti caratterizzati da specie cellulari particolarmente sensibili a variazioni dall'ambiente interno,come ad esempio il tessuto nervoso.

I dosaggi generalmente studiati vanno dai 4000 ai 6000 mg/die , assunti per periodi di 4-12 settimane. Generalmente è possibile riscontrare benefici sia in acuto che in cronico :

- Effetto acuto : Vasodilatazione e incremento del pompaggio muscolare a causa del ruolo della carnosina come precursore dell'enzima ossido nitrico sintasi.

- Effetto cronico : Inizia a manifestarsi generalmente dopo 2 settimane ( in alcuni soggetti anche 1 settimana) e assume un ruolo rilevante sulla capacità di lavoro mediante dopo 3-4 settimane. A 12 settimane sono stati riscrontrati ancora benefici,quindi questa finestra temporale dovrebbe rappresentare la tempistica ideale per sfruttare appieno la supplementazione di B-Alanina.

L'assunzione di B-Alanina è stata studiata in sinergia sia con la carnosina che con la creatina. Dati presenti in letteratura riportano come l'assunzione con carnosina sembri migliorare le dinamiche temporali relative agli effetti,mentre per quanto riguarda l'assunzione con creatina sembra che i diversi meccanismi d'azione possano avere ruoli complementari nell'implementare le prestazioni. Questa associazione è stata ritenuta da alcuni autori in grado di influire positivamente sul guadagno di massa magra rispetto all'assunzione della sola creatina. 

In alcuni soggetti l'uso di B-Alanina è correlato a parestesie (spiacevole sensazione di prurito o formicolio) in particolare a livello del volto,sensazione che,pur essendo di per sè innocua,non viene sempre ben tollerata. Di solito questo fenomeno può essere ridotto/evitato assumendo B-Alanina contestualmente a un pasto che contenga carboidrati  e generalmente tende a risolversi non appena si inizia l'attività fisica. Il discomfort correlato alla parestesia può essere aumentato dalla contestuale assunzione di B-Alanina e caffeina,pratica sconsigliata ai soggetti sensibili a questa tipologia di manifestazioni. A parte questa problematica,l'utilizzo di B-Alanina è generalmente ritenuto sicuro.