Aminoacidi

Informazioni

Nuovi prodotti

Speciali

Aminoacidi Ci sono 85 prodotti.

per pagina
Mostrando 1 - 12 di 85 articoli
Mostrando 1 - 12 di 85 articoli

AMINOACIDI ESSENZIALI-AMINOACIDI RAMIFICATI

Ci sono diversi tipi Aminoacidi.Partiamo da un punto che la proteina è formata da tanti aminoacidi :

Viene definita essenziali ogni sostanza che l'organismo umano non è in grado di produrre a partire da precursori .

Anche nel caso degli aminoacidi, percio',ponendo il suffisso essenziali si identifica una categoria di molecole che deve essere introdotta attraverso l' alimentazione.

Per comprendere le potenzialita' insite in miscele che contengono in adeguati quantitativi tutti i principali aminoacidi essenziali è importante ricordare il concetto di aminoacido limitante, ovvero quell'aminoacido la cui carenza puo' interrompere la sintesi di una determinata proteina , o la cui assenza è in grado di minare l'equilibrio della molecola neosintetizzata.

L'assunzione di un adeguato quantitativo corporeo di aminoacidi essenziali,rappresenta,una notevole criticita' onde garantire un'efficiente sintesi proteica.

Esistono diverse tecnologie utilizzate nella produzione di aminoacidi tra cui :

Idrolisi con solvente:

Possono essere utilizzati solventi alcalini che forniscono generalmente aminoacidi,oppure solventi acidi che conducono alla perdita di una parte della carica aminoacidica producendo ammoniaca e sodio.

Idrolisi enzimatica:

Si utilizzano enzimi idrolitici che operano una sorta di digestione frammentando le proteine di origine aminoacidi liberi e piccole catene peptidiche .Con questa metodica e' possibile ottenere L-aminoacidi e peptidi in diverse concentrazioni.

Fermentazione biologica:

Questa metodica prevede l'utilizzo di specifici microorganismi che a partire da svariati precursori sono in grado di ottenere specifici aminoacidi.In questa maniera e' possibile produrre buoni quantitativi degli aminoacidi desiderati e miscelarli fino all'ottenimento delle proporzioni desiderate.

Relativamente alle diverse metodiche di lavorazione utilizzate e' possibile ottenere prodotti con un diverso grado di purezza suddivisi sulla base delle relative caratteristiche:

1 grado:

Miscele molto  grezze costituite in prevalanza da aminoacidi in formaD,nelle quali si rinviene una notevole contaminazione batterica .

Vengono solitamente utilizzate in veterinaria o per applicazioni agricole.

2 grado:

Miscele maggiormente raffinate rispetto alle precedenti ,dove si rivengono in quantitativi sovrapponibi aminoacidi in forma D e in formaL.Vengono solitamente utilizzate per la realizzazione di prodotti per uso topico e cosmetico.

3grado:

Aminoacidi in forma L (quella utilizzata dall'organismo umano). Il 3 grado viene anche definito'grado farmaceutico?Vengono utilizzati nella preparazioni di specialita'nutraceutiche,farmaceuticheo integrative.

4grado:

Miscele nella massima purezza disponibile.Vengono utilizzate solitamente per la preparazione di formulazioni iniettabili.

Le caratteristiche peculiari relative all' assunzione di aminoacidi in forma libera sono principalmente da individuare nella rapidisssima assimilazione e biodisponibilita',infatti non necessitando di processi digestivi possono essere direttamente assorbiti e e immessi nel torrente ematico .Per questo le principali applicazioni sono quelle relative alla fornitura di unrapido stimolo anabolico e al favorimendo di processi di recupero sopratutto nelle fasi di recupero .

Aminoacidi Ramificati

Rientrano nella categoria degli Aminoacidi Ramificati (chiamati anche BCAA) la valina , la leucina e l'isoleucina.

Dal punto di vista quantitativo questi aminoacidi rappresentano le molecole maggiormente presenti a livello del muscolo scheletrico,dove vengono utilizzati sia con finalità eutrofica sia con finalità energetica.

Per quanto riguarda l'analisi dei processi di lavorazione e le categorie di purezza è possibile fare riferimento a quanto detto nel precedente paragrafo,in quanto di fatto i processi non cambiano.

Generalmente le formulazioni classiche in commercio prevedono un rapporto 2:1: tra leucina,isoleucina,e valina con rapporti tipo 4:1:1 con la finalità di enfatizzare la componente anabolica dovuta alla leucina (aminoacidi che,come precedentemente illustrato,agisce sia in maniera diretta che in maniera indiretta su mTor,il crocevia biochimico dell'anabolismo).

Numerosi dati presenti in letteratura riportano come non ci sia un razionale che permetta di proporre l'utilizzo di aminoacidi ramificati con la finalità di aumentare la performance (sia di endurance che intermittente o ad alta intensità) ma,al contrario,con quella di fornire il massimo supporto nei processi di recupero e nel modulare la percezione della fatica con meccanismi in grado di agire anche a livello del sistema nervoso centrale (per esempio intervenendo nella modulazione della serotonina).

Per quanto rigurada i processi di recupero,è stato evidenziato come gli aminoacidi ramificati (bcaa) siano in grado di implementare il metabolismo proteico sia in corso che dopo l'esercizio,intervenendo nella regolazione della sintesi proteica,in particolare grazie al contributo della leucina.

I dosaggi solitamente studiati in letteratura scientifica sono differenti a seconda della tipologia di attività fisica svolta.